MONZA, UNA “MOSTRA” A CIELO APERTO (Itinerario di 2 giorni)

 

Per l’itinerario di due giorni consigliamo di esplorare il primo giorno il centro della città con i suoi monumenti storici ed artistici e per il secondo giorno proponiamo uno spostamento verso la zona della Villa Reale ed il Parco di Monza.

 

 

PRIMO GIORNO

 

COME RAGGIUNGERCI:

In auto, in treno, in autobus o in aereo.

 

PARCHEGGIO:

Vi consigliamo il parcheggio situato in Piazza Trento e Trieste 1/a, 20900 Monza, ideale come posizione molto centrale e vicina ai vari punti di interesse storico artistici della città.

Per raggiungere la città in treno: linee Milano - Chiasso, Milano - Lecco, Milano - Zurigo.

 

Monza, terza città per numero di abitanti della regione Lombardia, è un gioiello artistico, storico e culturale che vale la pena di essere visitato. Figura importantissima che ha contribuito alla sua nascita è stata la regina longobarda Teodolinda, che ha scelto questo territorio per stabilire il suo popolo. A lei si deve anche l’origine del nome “Monza”: la leggenda narra  che la regina stremata dopo una lunga cavalcata, si assopì sulle rive del fiume Lambro e sognò una colomba bianca che le suggerì il luogo esatto dove costruire un palazzo ed una cappella in onore di San Giovanni Battista (l’attuale Duomo di Monza), la colomba le sussurrò “Modo” (“qui”) e lei rispose “Etiam” (“si”). Da qui Modoetia, antico nome della città di Monza.

 

PRIMA TAPPA: MONZA ED IL SUO TESORO

 

Per cominciare il tour alla scoperta di Monza, suggeriamo la visita al Duomo di Monza che si trova a circa 2 minuti a piedi dal parcheggio.

 

Una trama di vicende lunga più di 1400 anni, una struttura complessa e monumentale, un ricchissimo apparato decorativo e di arredi, un Tesoro di valore inestimabile e un fitto intreccio di relazioni internazionali scandite sull’arco di tutta la sua storia, fanno del Duomo di Monza una delle più importanti istituzioni ecclesiastiche d’Italia e d’Europa.

Vale la pena una visita anche per ammirare la bellissima facciata sui toni del bianco e del blu recentemente restaurata. 

 

 Inoltre nel Duomo di Monza è conservata la famosa Corona Ferrea       nella cappella di Teodolinda, a sinistra dell’altare maggiore. E’ il simbolo,   tra fede e mito, più importante dell’Occidente cristiano che ha incoronato   i re d’Italia. Visita da non perdere per scoprire la storia di Monza e la   figura della Regina longobarda Teodolinda anche attraverso la sua vita   finemente affrescata dai fratelli Zavattari nell’omonima cappella.

 

All’interno del complesso del Duomo di Monza è presente il Museo e Tesoro del Duomo di Monza. “Un percorso lungo più di 1400 anni, durante i quali la storia della chiesa si è spesso intrecciata con quella delle grandi istituzioni politiche e religiose dell’Italia e dell’Europa, in una trama di relazioni di cui le collezioni sono una vivida e spesso spettacolare testimonianza.”

 

È obbligatoria la prenotazione. Di seguito il link del sito con orari e tariffe con possibilità di prenotare “pacchetti” di visita.

 

 

La visita durerà circa l’intera mattinata tra visita al Duomo, Museo e Cappella. Suggeriamo all’uscita un giro nelle vie adiacenti in cui si possono ammirare monumenti come l’Arengario, antico palazzo comunale della città che risale al XIII secolo e dal quale partono le principali vie del centro storico di Monza oppure la Torre medievale di Teodolinda situata in via Lambro che risale al XIII secolo. Viene chiamata anche Porta Lambro proprio perché veniva usata come porta alla città per le merci che arrivavano via fiume. 

 

 

 

 

Per una pausa pranzo all’insegna della cucina tradizionale lombarda e non, segnaliamo vari ristoranti situati nel centro cittadino a pochi passi dai monumenti di interesse storico artistico della città.

 

SECONDA TAPPA: TRA BELLEZZA E STORIA              

 

 Oltre ai luoghi di interesse che vi abbiamo proposto (Duomo di Monza e   Museo del Duomo), consigliamo una visita anche ai Musei Civici di   Monza. Dopo 30 anni di chiusura, nel 2014 i Musei Civici monzesi hanno   riaperto al pubblico, ospitati nel complesso medievale della Casa degli   Umiliati. Un museo custode della memoria della città, dove dimorano le   collezioni della città, dai reperti archeologici all’arte contemporanea.

 

 

Altra visita che consigliamo riguarda i Ponti sul Fiume Lambro. Una passeggiata lungo il fiume, per scoprire i numerosi ponti antichi che scavalcano il Lambro. Dal monumentale Ponte dei Leoni al più antico Ponte Nuovo del ‘300. Da qui è possibile vedere il muraglione di base delle mura medievali, demolite nel XIX secolo. 

 

 

 

  Il complesso di Santa Maria delle Grazie, altro gioiello che vale la pena   di essere visitato, è un suggestivo santuario francescano risalente al   1463, quando i Frati Minori Osservanti si stabilirono in questa zona       periferica accanto al corso del Lambro, esterna alle mura che   circondavano Monza.

 

 

 

La Cappella Espiatoria è stata progettata dall’architetto Giuseppe Sacconi che ha progettato anche l’Altare della Patria a Roma, la Cappella sorge proprio nel punto in cui il 29 luglio 1900 l’anarchico Gaetano Bresci uccise il re Umberto I di Savoia. L’interno è costellato di preziosi mosaici che vale la pena di ammirare. 

 

 

 

SECONDO GIORNO

 

Per il secondo giorno suggeriamo di esplorare e visitare la zona del Parco di Monza e della Villa Reale. È disponibile un parcheggio all’interno del Parco collegato alla Reggia e sono presenti anche diversi ristoranti nei dintorni che incontrano ogni vostra esigenza. La Villa Reale di Monza è raggiungibile a piedi in circa 10/15 minuti dal centro oppure in macchina.

 

PRIMA TAPPA: VISITA REGALE

 

La Villa Reale è un gioiello della città voluto dall’Imperatrice Maria Teresa d’Austria come residenza estiva di campagna del figlio Ferdinando tra il 1777 ed il 1780. L’edificio è costruito in stile neoclassico e al suo interno ospita circa settecento stanze. Bellezza che regge il confronto con la famosissima Reggia di Caserta e l’ancora più famosa Reggia di Versailles. 

Il nuovo percorso di visita comprende 28 stanze tra appartamenti e sale: un vero e proprio viaggio nella storia dagli Asburgo ai Savoia. La visita, della durata di circa 60 minuti, inizierà dall’atrio di ingresso che conduce alle sale di rappresentanza del primo piano nobile, che più di tutte recano ancora le decorazioni neoclassiche; proseguirà poi negli spazi del Secondo Piano con il celeberrimo appartamento del Principe di Napoli, adattato dall’architetto Majnoni in occasione delle nozze di Vittorio Emanuele III; poi sarà la volta della biblioteca e della sua affascinante boiserie realizzata in legno di noce e degli appartamenti del Re e della Regina, per terminare infine nel salone centrale con lo splendido affaccio sui Giardini Reali.
La prenotazione online è obbligatoria, sarà possibile visitare gli spazi del complesso monumentale il sabato e la domenica dalle ore 10.30 alle ore 18.30, con ultimo ingresso un’ora prima della chiusura. 

Meritano, inoltre, una visita i Giardini Reali con laghetti, piccole cascate, grotte, numerosi alberi particolari e centenari che si trovano alle spalle dell’edificio e collegano la Villa al Parco di Monza; l’Orangerie (o Serrone) con le sue varie specie di agrumi e piante esotiche;  il Roseto con le sue numerose varietà di fiori da scoprire ed ammirare. “L’impianto prevede differenti sezioni tematiche, a seconda delle collezioni di rose piantumate, con alcune varietà antiche disposte attorno allo specchio d’acqua, o rampicanti, lungo la cancellata e sul pergolato. La maggior parte dello spazio è in ogni caso destinato alle rose che partecipano ai Concorsi annuali, con oltre 400 varietà, create da rosaisti di tutto il mondo e giudicate da tecnici internazionali, poeti, artisti e personalità della moda o della televisione”.

 

 

SECONDA TAPPA: SCOPRI E VIVI IL POLMONE VERDE

 

  Se siete amanti della natura o siete semplicemente in cerca di un posto   che possa donarvi tranquillità e relax lontano dai rumori della città, non   può mancare una visita al Parco di Monza, il parco cittadino recintato   più grande d’Europa con i suoi 700 ettari di verde, numerose cascine   storiche, ponti in pietra che catturano lo sguardo e alberi monumentali   che vale la pena di ammirare. La visita può essere fatta a piedi o in bici   (vi è un noleggio biciclette all’interno). Consigliamo di noleggiare la bici   poiché essendo molto esteso sarebbe un metodo migliore per visitarlo.

 

 

 

All’interno è anche presente il famosissimo Autodromo di Monza (il Tempio della Velocità), sede di corse automobilistiche come la celeberrima Formula 1 e se siete appassionati di motori è una tappa da non perdere.

 

 

 

 

Per maggiori informazioni:

Infopoint Monza Piazza Trento e Trieste Piazza Trento e Trieste 20900 Monza, MB

Info e Contatti

Telefono: 039 67 914 88

Mail: marketingterritoriale@comune.monza.it

 

Orari e Aperture

Lunedì: ore 08.30-12.30 / 13.00-18.00

Martedì: ore 08.30-12.30 / 13.00-18.00

Mercoledì: ore 08.30-12.30  / 13.00-18.00

Giovedì: ore 08.30-12.30  / 13.00-18.00

Venerdì: ore 08.30-12.30  / 13.00-18.00

Sabato: ore 9.00-12.30 / 13.00-18.00

Domenica: ore 9.00-15.00

 

Infopoint Monza Stazione Via Caduti del Lavoro 20900 Monza , MB

Info e Contatti

Telefono: 039 6791781

Mail: pro.monza@tiscali.it  

Orari e Aperture

Da lunedì a domenica: dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00

 

Infopoint Monza Porta Monza (presso l’entrata di porta Monza del Parco di Monza)

Orari e Aperture

Periodo estivo
sabato, domenica e festivi, dalle 10.00 alle ore 18.00

Periodo invernale
sabato, domenica e festivi, dalle 10.00 alle ore 17.30

 

 

Photo credits Alessandro Radice